sabato 14 settembre 2013

ALLA FIERA DEL NULLA

ALLA FIERA DEL NULLA

Affondata a causa dell’inchino. La motonave Concordia. Adesso sembra sia diventato una consuetudine. Anche per altre navi. (L’inchino). Per gli esseri umani lo era già da tempo. Varie sono le modalità di esecuzione. Apertis verbis (cioè a voce spiegata). O con ammiccamenti allusivi e comprensibili (all’esterno). O più spesso con il silenzio. Che deve apparire come accondiscendenza (non come dissenso). Possono anche verificarsi delle vittime. Come nel caso della Concordia. Ma anche la prestigiosa civiltà dei Maja le ha prodotte. Come risultato di una ritualistica (allora politico – religiosa) che era in grado di soggiogare le masse. Rendendole compartecipi, con la loro semplice individuale presenza, di tali sacrifici (umani). E facendole sentire tali cioè facenti parte dello stesso modo d’essere della loro collettività. Cioè in. Sacrifici umani se ne fanno ancora oggi. Non in forma plateale ( come all’epoca dei Maja). Ma in modo egualmente efficace. Sacrifici che privano le pensioni di vecchiaia di una concreta valenza economica, candidando gli interessati ad una sostanziale indigenza. Facendo apparire i lavori precari come un male transeunte (per evitare il peggio) anche se durano tutta una vita. Favorendo in ogni modo la cd finanza creativa e la stessa fiscalità determinata su redditi presunti ed inesistenti. Il consenso  viene ormai basato in gran parte su colori di bandiera… (non su argomenti concreti). Che si tratti di un nuovo tipo di capitalismo ? Un neocapitalismo che mette d’accordo tutti  (così sembra)? E che produce il nulla…assoluto ?  E che consente di governare meglio, poiché vede tutti d’accordo ? ( o, più asetticamente,  consente di meglio corrispondere alle aspettative della collettività, sia quelle vere, o interpretabili come tali, sia quelle presunte) Chissà. Non è senza una ragione che il post viene accompagnato dall’opera pittorica di  Kandinskij Blu di cielo”. Che con i suoi deliziosi oggettini multicolore ben raffigura la situazione attuale. E che BW rinominerebbe “A la fiera del nulla”. (costituente il risultato della situazione sopra descritta).

Bluewind

8 commenti:

  1. E ' l'omologazione,caro Blue,he porta alla fiera del nulla. Mai per chi ha avuto il coraggio di sopravviversi con dignitosa riservatezza protetta solo nel silenzio intimo di lacrime mute.
    Ciao,Mirka

    RispondiElimina
  2. Ma la realtà, a mio avviso, non cambia (anche se viene travestita con denominazioni..... ad effetto). Ciao. Mimmo

    RispondiElimina
  3. Vero. Immutabile la "realtà" dell'uomo. Forse solo nel sogno la muta nella scarnezza della parola diventata bandiera d'utopia.
    Mirka

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se è una critica...Ciao. Mimmo

      Elimina
    2. Chissà se è una critica...Ciao. Mimmo

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Critica a te,Mimmo? E perchè mai?... Alla realtà dell'uomo alludevo. All'ignavia insieme alla paura che gli sta cucita addosso come polvere di strada anche se ogni giorno si lava. Questo si.
    Mirka

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio così. Anche se fosse stata una critica, l'avrei gradita lo stesso. Ciao. Mimmo

      Elimina